Il respiro

La vita dipende assolutamente dall'atto respiratorio. Il respiro è vita.

Respirare è vivere e non può esistere vita senza respirare.

Il neonato inspira profondamente, trattiene l'aria un momento per riceverne le proprietà "vitalizzanti" e poi espira in un lungo vagito e via! Ha inizio la sua vita sulla terra.

Il vecchio emette un debole sospiro, cessa di respirare e la vita finisce. Dal primo debole respiro del neonato all'ultimo sospiro dell'uomo morente, è un'unica lunga storia di continuo respirare. La vita non è altro che una setie di respiri.

La respirazione può davvero essere considerata la più importante funzione del corpo, poiché da essa dipendono tutte le altre. L'uomo può vivere per un certo tempo senza mangiare; per un periodo più breve anche senza bere; ma senza respirare la sua esistenza durarà olo pochi minuti.

 

L'ossigenazione è fondamentale non solo per rivitalizzare ogni parte del corpo, ma anche perché la digestione dipende materialmente dalla "ossigenazione" degli alimenti che si ottiene quando l'ossigeno (disciolto nel sangue) entra in contatto col cibo provocando una sorta di combustione. E' necessario quindi che i polmoni immagazzinino una quantità d'ossigeno sufficiente a favorire tale processo; questo spiega perché si riscontrino con tanta frequenza debolezza di polmoni associata a difficoltà digestive.

 

L'apparato respiratorio dell'uomo è fatto in modo che si possa respirare con la bocca oltre che col naso, ma l'abitudine di respirare con la bocca causa gran parte delle malattie cui è soggetto l'uomo civilizzato, tra cui raffreddori e affezioni catarrali.

E' importante quindi imparare a respirare sempre con il naso, poiché l'unica protezione degli organi respiratori consiste nelle cavità nasali, che funzionano come filtro capace di catturare la polvere. Quando l'aria entra dalla bocca per arrivare ai polmoni, non vi è nulla che la filtri. 

In conclusione, la bocca non offre alcuna protezione agli organi respiratori, poiché polvere, impurità e germi non vengono in alcun modo filtrati.

 

LA RESPIRAZIONE COMPLETA

*mettersi in piedi o seduti, con busto eretto.

Respirando attraverso le narici, riempire d'aria la parte inferiore dei polmoni; ciò si ottiene mettendo in azione il diaframma che, nel discendere, spingerà gli organi addominali e la parete frontale dell'addome. Poi riempire la parte media dei polmoni facendo alzare le coste inferiori, lo sterno e il torace. Riempire quindi la regione superiore dei polmoni, facendo alzare la parte superiore del torace e in tal modo sollevando il torace, comprese le 6 o sette paia di coste superiori. Con quest'ultimo movimento la parte inferiore dell'addome si ritrarrà leggermente, per dare sostegno ai polmoni e facilitare il riempimento della loro zona superiore.

A prima lettura potrà sembrare che questa respirazione sia divisa in tre movimenti distinti. Ma ciò non è esatto: l'inspirazione è continua e l'intera cavità del torace (dalla regione diaframmatica, spinta in basso, al punto più alto della regione clavicolare) si espande in un movimento uniforma. Evitate di inspirare "a strappi", sforzatevi di mantenere un ritmo regolare e costante. La pratica permetterà di eliminare presto la tendenza a dividere l'inspirazione in tre movimenti e approdare a un respiro uniforme e continuo.

Basta un po' di esercizio per essere in grado di completare l'inspirazione in un paio di secondi.

* Trattenere il respiro per alcuni secondi

*Espirare molto adagio, mantenendo il torace fermo, facendo rientrare l'addome leggermente e facendolo alzare lentamente man mano che l'aria fuoriesce dai polmoni. Quando l'aria è stata completamente espirata, rilassare il torace e l'addome. Con la pratica, questi movimenti diventeranno facili e una volta acquisiti saranno pressoché automatici.

 

Con questo metodo di respirazione tutto l'apparato respiratorio, compresi i più remoti alveoli, entra in funzione.

Può essere utile porsi di fronte a un grande specchio con la mano appoggiata sull'addome in modo da sentire i movimenti.

Bisogna aver cura di praticare una serie di queste respirazioni complete varie volte al giorno, per conservare l'organismo in buone condizioni e in armonia.

 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI:


Yogi Ramacharaka